33 pensieri su “Donna distesa (Egon Schiele)

  1. il primo mi richiama alla mente un nudo allo specchio di Guttuso…
    (non sono un’esperta d’arte è che il quadro di Guttuso lo vedo praticamente due volte a settimana… e mi piace parecchio, magari te lo linko)
    entrambi molto semplici come tratto eppure così efficaci nel trasmettere quella comune posizione delle gambe

    non sto a sondare il perchè della scelta
    ma se proprio vuoi soddisfare la mia curiosità puoi farlo eh…

    Buon inizio settimana signor Bloom
    🙂

  2. vedi questo è un tipico ritratto di nudo senza nessuna emozione ………infondo l’artista ha in sè un percorso psicologico doloroso ed è quello che vuole trasmettere, a me non piace, sinceramente troppo a mio avvico statico, è un espressionista influenzato da klimt ma purtroppo ahimè non è lui!!!
    ps: mi piacciono questi post posso esprimere la mia sai……già sai!!!!
    1 bacio

  3. non cadere nella tela del ragno di ragno esisto solo io ale…….mi raccomando managgia ma ti devo fare da madrina a vita a te ufffffffà!!!!

    ps: mi sa che è meglio che ti orienti verso l’arte contemporanea che dici c’è il blog della nostra amica dimensionex che offre vari spunti di lettura e visione……ahahahahah

    bacio oggi sta piattaforma va na chiavica.

  4. Non so… non mi dicono un granchè questi due quadri… per me poi il primo sembra addirittura un bozzetto buttato giù e non finito … comunque non sono un critico d’arte per cui mi defilo immediatamente.

    Un abbraccio Ale e buona settimana!

  5. aleeeeeeeeeeeeeeeeee………ammor’ mio, sto pensando che non ho detto alla supersimo che sto qua le accennai qualcosa quando mi venne a trovare ma poi detto più nulla, ale ti ricordi c’è supposta per te…che ridere stavo sul blog vecchio e ridevo da sola non ti dico le foto di siffredi che ci stavano ma te le ricordi???? sembra passato un secolo!!! bacione

  6. le cose cambiano vedi pompei se ne caduta a pezzi il vulcano si è un pò fermato…..no che io sia spenta no questo mai, ma ho imparato a mie spese che è meglio a volte tacere che urlare, però una cosa propio non riesco a fare ingannare il prossimo leccandolo come ho notato dicendo tra me e me: ‘le cose purtroppo qui non cambiano’ eppure si cresce e si invecchia io no io sono solo cresciuta, io preferisco leccare altro però intendiamoci!!! ahhhhhhhhahahah

Lascia un commento