Punto omega (Don Delillo)

 

La vita non si puo’ ridurre a parole dette o scritte,nessuno puo’ farlo,mai.La vita vera si svoge quando siamo soli,quando pensiamo,percepiamo,persi nei ricordi,trasognati eppure presenti a noi stessi,gli istanti submicroscopici.Questo Elster lo disse diverse volte,in modi diversi.Diceva che la sua vita avveniva quando stava seduto a fissare una parete bianca,pensando alla cena.Una biografia di ottocento pagine e’ soltanto una sterile congettura,così diceva.Io quasi gli credevo quando diceva queste cose.Secondo lui capita in continuazione,a tutti:diventiamo quello che siamo sotto i pensieri che scorrono e le immagini indistinte,chiedendoci oziosamente quando moriremo.E’ così che viviamo e pensiamo,anche se non sempre ce ne rendiamo conto.Sono questi i pensieri che ci arrivano senza filtro,mentre guardiamo fuori dal finestrino del treno,macchioline opache di panico meditativo.

Punto omega (Don Delillo)ultima modifica: 2012-09-03T23:07:50+00:00da leopold_bloom
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “Punto omega (Don Delillo)

  1. Mi accodo al commento di DimensioneX… ecco sarebbe bello poter ripetere l’incontro e passare una bella giornata tutti insieme in armonia tra ricordi e risate…

    Un abbraccio Ale e buon fine settimana… qui è arrivata un pò di pioggia ma le temperature sono ancora gradevolissime.

Lascia un commento